. Olimpiadi di Italiano

Mi presento

Luisa Cali

Luisa Cali

Frequento la VC (triennio) del Liceo Scientifico 'Leonardo da Vinci' a Floridia (SR)

Abito a Floridia (Siracusa (SR))
Sicilia
Italia


Il mio referente per la finale è

Lidia Rametta

Chi sono

Sono Luisa, ho 18 anni e frequento il quinto anno del Liceo scientifico "Leonardo da Vinci" di Floridia. Amo la semplicità, la bellezza delle piccole cose e la sincerità. Detesto l'opportunismo e l'ipocrisia. Mi piacciono i climi freddi e i paesaggi nordici, anche se d'estate amo fare dei bagni a mare lunghi ore.

Letture, film, musica preferiti

Mi piace leggere i gialli, in particolare quelli di Agatha Christie; in assoluto, il mio preferito è "Dieci piccoli indiani", da molti ritenuto il suo capolavoro. Mi piace anche leggere i fantasy: è stata la saga di Harry Potter a farmi scoprire il mondo della lettura, quando avevo circa 10 anni. Non sono una grande appassionata di cinema, ma se dovessi azzardare un titolo preferito proporrei "Forrest Gump" o "Quasi amici". Per quanto riguarda la filmografia italiana più recente, penso che un bellissimo film sia "Perfetti sconosciuti". Sono un'appassionata di musica italiana, in particolare di artisti come De Gregori, Vecchioni e Fiorella Mannoia. In ogni caso, mi piace ascoltare Mika e i Fun. Ho un debole per le colonne sonore di Spirit, un vecchio cartone animato, interpretate da Bryan Adams.

Hobby, interessi, curiosità

Mi piacerebbe dire di amare lo sport, ma purtroppo sono un'inguaribile pigrona... In ogni caso ho sempre praticato un'attività fisica, che, per forza di cose, è diventata anche il mio modo di trascorrere il tempo libero (tennis, nuoto o pallavolo). Nonostante sia un po' introversa, mi piace trascorrere il tempo con le persone che amo e con cui trovo stimolante un confronto. Spesso ascolto musica per rilassarmi e spegnere il cervello per un po'; quando, invece, non riesco a placare le mie emozioni, scrivo. Mi affascina imparare nuove lingue, cosa che cerco di fare nei modi più disparati. Fino ad ora parlo, oltre all'italiano, l'inglese e un po' di francese, ma il mio obiettivo è di imparare a parlare più lingue possibili.

Il mio sogno...

Diventare un medico. Riuscire a parlare fluentemente almeno 5 lingue.

Il lavoro che mi piacerebbe...

Il medico, anche se non so ancora in quale ramo mi piacerebbe specializzarmi.

Le materie che mi interessano di più...

Ho un interesse particolare per le materie scientifiche, in particolare la chimica e la biologia, due mondi immensi che mi affascinano profondamente. Mi piace anche la letteratura italiana, in particolare la produzione poetica di Leopardi e Ungaretti.

Il mio rapporto con la scrittura...

Scrivere è un hobby, una passione. E' il modo che ho di imprimere, nero su bianco, tutte le emozioni che non riesco ad esprimere con le parole. Scrivo, magari una nota nel cellulare, ogni qualvolta mi sento in pace con me stessa, oppure così scombussolata da non riuscire a contenere quel sentimento che mi riempie il cuore. Scrivo nelle notti d'estate, con lo sguardo verso le stelle e, negli auricolari, canzoni che mi riportano a dolci ricordi. Scrivo quando sono da sola, isolata dal mondo, e quando avverto la nostalgia del passato e la vivida speranza del futuro. Scrivo, e poi mi sento spossata, come se avessi corso chilometri, come se il mio cuore avesse appena comunicato al mondo, seppur senza nessuno che legga davvero le sue parole, ciò che lo fa vibrare come una corda di violino.

Come ho conosciuto le Olimpiadi di italiano e come mi sono preparato

Ho partecipato, tre anni fa, grazie alla proposta dell'insegnante della scuola a cui era accorpata la mia. Quell'anno partecipai alla finale che si tenne a Firenze. Ho poi partecipato ogni anno successivo, supportata dalla mia attuale professoressa, Lidia Rametta, che mi ha sempre spronata e preparata tramite lezioni di grammatica.