. Olimpiadi di Italiano

Mi presento

Antonio Sassone

Antonio Sassone

Frequento la 1A (biennio) del LICEO SCIENTIFICO 'LEONARDO DA VINCI' FIRENZE a Firenze (FI)

Abito a Firenze (Firenze)
Toscana
Italia


Il mio referente per la finale è

CECILIA FILIPPINI

Chi sono

Sono Antonio Sassone, ho 14 anni e sono nato a Firenze da padre italiano e madre argentina. Ho passato i miei primi 6 anni di vita a Firenze, nella più assoluta spensieratezza, ma anche viaggiando molto, soprattutto tra Italia e Argentina. Quando frequentavo la prima elementare, mio padre dovette partire per Bruxelles per lavoro. L'anno dopo mia madre ed io lo raggiungemmo e così trascorsi lì i successivi 5 anni, frequentando la Scuola Europea di Uccle. Sono stati degli anni magnifici, in cui ho conosciuto persone fantastiche e sono cresciuto molto dal punto di vista umano, oltre che intellettuale. Nell'estate del 2014 i miei genitori decisero di ritornare in Italia. Inizialmente fui assai triste, soprattutto per gli ottimi rapporti di amicizia che avevo creato e mi toccava lasciare; però avevo avuto l’accortezza di rimanere in contatto con gli amici che avevo lasciato in Italia e, dopo alcuni mesi, ritrovai, insieme con loro, la consueta serenità, le vecchie abitudini. Finita la scuola media, senza averla particolarmente amata, presi la decisione di frequentare un liceo scientifico, combattuto fino alla fine tra questo e il classico. Finora sono soddisfatto della mia scelta, e spero sia così anche per i prossimi anni.

Letture, film, musica preferiti

Amo molto leggere libri di tutti i tipi, ma ho delle preferenze per i gialli, alcuni fantasy e i noir. Inoltre, ho una grandissima passione per la mitologia greco-romana e quella egizia. Non ho una profonda conoscenza del cinema, anche se sono veramente interessato e incuriosito da questa forma di arte. Il mio film preferito è probabilmente The Imitation Game, la cui ripetuta visione mi fa sempre riflettere sulla grandezza di alcune persone e sull'ingiustizia della società. La musica è sicuramente una delle mie più forti passioni, se non la più forte, ed è sempre stata un punto fermo nella mia vita. Amo tutti i generi musicali: dalla musica classica al rock, ovviamente con preferenza per certi compositori o band. Amo moltissimo Beethoven, ma ascolto con altrettanto piacere il gruppo The Doors.

Hobby, interessi, curiosità

Ho varie passioni. Come già detto, amo molto la musica e infatti suono il pianoforte da 9 anni. In più ho iniziato l'anno scorso a suonare nella Toscana Junior Band le percussioni, in particolare quelle intonate: xilofono, glockenspiel e timpani. Mi piace seguire diversi sport: calcio, pallavolo, basket, etc. Per 2 anni ho praticato pallavolo e mi diverto a giocare a calcio con i miei amici. Mi piacciono davvero tanto i giochi da tavolo, soprattutto quelli di strategia. Infatti ho giocato per diversi anni a scacchi a discreti livelli, partecipando alle competizioni nazionali Belghe.

Il mio sogno...

Ho tanti sogni e so che molti rimarranno tali, ma sono anche consapevole dell’importanza del sogno. In particolare mi piacerebbe dare un contributo al miglioramento delle condizioni della musica che, secondo me, negli ultimi anni è sensibilmente degradata rispetto a quanto abbiamo ascoltato dal periodo barocco fino agli inizi degli anni ’90, un’evoluzione continua che dopo questa data si è trasformata in un’involuzione, a parte poche eccezioni. Dare un contributo per far ritornare la musica ad alti livelli sarebbe proprio la realizzazione di un mio bellissimo sogno.

Il lavoro che mi piacerebbe...

Ho sempre avuto idee molto diverse su ciò che mi piacerebbe fare in futuro. Per molti anni da piccolo pensavo di diventare medico, poi iniziò a piacermi la professione dell'attore o dello scrittore. Negli ultimi anni, invece, mi era sembrato interessante il lavoro del professore. Un’attività che però mi ha costantemente attirato è quella del musicista; la musica mi piace ascoltarla e, soprattutto, “farla”. Ma così come ho cambiato idea in passato, potrei anche cambiarla in futuro. Sono solo un ragazzo e ho ancora tanto da conoscere e imparare.

Le materie che mi interessano di più...

La matematica è sempre stata la materia che mi ha appassionato tanto e, infatti, non mi dispiace assolutamente studiarla. Inoltre tutte le discipline umanistiche, come la storia o l’italiano, mi interessano molto; la recente scoperta del latino è stata per me proprio piacevole. Comunque, per ora, Matematica e Musica sono senza dubbio le mie passioni più forti.

Il mio rapporto con la scrittura...

Ho avuto un periodo in cui nel tempo libero scrivevo spesso, dato che pensavo, come detto in precedenza, che da grande avrei fatto lo scrittore; quindi scrivevo poesie e piccole storie. Però, col passare degli anni e la diminuzione del tempo libero a causa dello studio, ho limitato la scrittura alle attività scolastiche; questo mi dispiace molto, però, essendo il tempo limitato, ho sempre dato priorità allo studio scolastico e alla musica. Comunque, nei vari temi scolastici e anche mentre scrivo questi testi, si risveglia in me un po’ di quell'antica passione.

Come ho conosciuto le Olimpiadi di italiano e come mi sono preparato

Ne sono venuto a conoscenza durante i vari open day per la scelta del liceo, anche se inizialmente puntavo di più a quelle di matematica, data la mia passione per tale materia. La mia professoressa di italiano, la quale è anche la responsabile d’istituto delle Olimpiadi, decise di iscrivermi, assieme ad altri miei compagni di classe, considerati i primi positivi test di grammatica; e contro ogni mia aspettativa i risultati delle prove d’istituto furono senz’altro positivi. Quindi fui invitato a partecipare agli allenamenti organizzati dalla mia professoressa. Ho trovato assai produttiva l’idea di farvi partecipare un professore di matematica, il quale ci ha fornito delle lezioni di logica molto interessanti e utili per affrontare quesiti di varia tipologia. Inoltre ricevevamo a ogni allenamento degli esercizi specifici simili a quelli delle olimpiadi. Tutto ciò mi ha chiaramente aiutato e, soprattutto, mi ha dato modo di apprendere in poco tempo tante cose a me ancora sconosciute.